Un approccio integrato nel trattamento delle radicolopatie: Agopuntura e Laser di potenza.

di: Lapenna Walter

Keywords: acupuncture, laser hp, radiculopathies.

 

Riassunto

Al giorno d’oggi esistono svariate soluzioni terapeutiche conservative per alleviare il dolore nelle radicolopatie. Tuttavia, la maggior parte di esse non riesce a portare la percentuale di successo oltre il 75-80% e richiede tempi relativamente lunghi, con un conseguente aumento dell’impatto economico sul sistema sanitario o sul paziente.  Tali terapie, inoltre, rischiano di diventare totalmente inefficaci quando l’eziologia differisce dall’ernia discale o quando la diagnosi risulti imprecisa.

L’approccio integrato riesce a comprendere la maggior parte delle forme di dolore rachideo, in presenza o meno di un’ernia discale e a portare la percentuale di successo oltre il 95%, con l’ulteriore vantaggio di una durata molto breve del trattamento.

Il trattamento si avvale di un laser di potenza, aghi da agopuntura e il supporto di un fisioterapista, che tratti contestualmente l’eventuale componente meccanica del dolore.

 

Abstract

Nowadays there are many conservative therapeutic solutions to alleviate pain in radiculopathies. However, most of them fail to bring the success rate over 75-80% (Eubanks, 2012) and require relatively long time, resulting in an increase in the economic impact on the healthcare system or on the patient. Such therapies are also likely to become totally ineffective when etiology differs from discernment or when the diagnosis is inaccurate.

My integrated approach is able to understand most of the forms of rachid pain in the presence or not of a hernia disc and bring the success rate over 95%, with the added benefit of a very short duration of treatment.

The treatment uses a power laser, acupuncture needles and the support of a physiotherapist, who simultaneously treats any mechanical component of the pain.

 

 

Letteratura

La radicolopatia è una condizione patologica che interessa le radici dei nervi spinali e i loro prolungamenti, con conseguente coinvolgimento delle funzioni motorie e sensorie dell’organismo. Esistono differenti forme di radicolopatia, ma le più diffuse sembrano essere quelle che si manifestano a livello cervicale e a livello lombare e sacrale. In funzione della radice nervosa coinvolta, e in funzione dell’entità del danno al nervo, i sintomi scatenati dalla radicolopatia possono essere differenti e interessare varie parti del corpo. Fra i principali sintomi che possono comparire in caso di radicolopatia, ricordiamo: astenia; iperalgesia; dolore in varie zone del corpo (colo, piedi, arti inferiori e superiori, schiena, spalle, articolazioni) che può essere esacerbato dall’esecuzione di vari tipi di movimenti; iperreflessia; ipoestesia; parestesia; rigidità e debolezza muscolari; tetraparesi spastica (My-personaltrainer.it, s.d.).

Le radicolopatie rappresentano una patologia che molto spesso viene curata con l’agopuntura, con un ottimo margine di miglioramento.

Nel 2012 la rivista Journal of Pharmacopuncture ha riportato un caso di regressione spontanea di un’ernia discale cervicale in una paziente trattata con agopuntura, sottoposta ad RM di controllo dopo 12 mesi (Sung-Ha Kim, 2012 Jun).

Nel 2013 è stato pubblicato uno studio condotto su 17 pazienti con radicolopatia cervicale, trattati per un mese con una seduta a settimana di agopuntura. Nel 90% dei casi è stato riscontrato un miglioramento del 50% sulla sintomatologia (Nakajima M1, 2013).

Due recenti studi condotti sulla spondilosi cervicale e sulla radicolopatia associata hanno riconosciuto l’efficacia del trattamento con agopuntura ad aghi lunghi, elettroagopuntura e agopuntura XIAOXINGNAO (Gong XL, 2014).  I due studi clinici indicano che diversi tipi di agopuntura hanno tassi di efficacia variabili per il trattamento della spondilosi cervicale e della radicolopatia spondilosa cervicale. L’elettroagopuntura e quella Xiaoxingnao erano più efficaci dei farmaci. L’agopuntura profonda ha prodotto una migliore risposta del paziente rispetto all’agopuntura convenzionale. Questo riflette la natura dinamica dell’agopuntura e la sua flessibilità per il trattamento di queste condizioni comuni (HEaltCMi, 2016) (Xie XY, 2013).

Anche la laserterapia ormai viene usata in larga misura nel trattamento delle radicolopatie e delle patologie dolorose.

Uno studio di quest’anno, pubblicato su Pubmed riconosce l’efficacia del Laser di potenza nel trattamento dei sintomi legati alla radicolopatia. In virtù della sua rapidità di efficacia, rispetto alle altre terapie, permette di accelerare il recupero funzionale e il ritorno del paziente alle sue attività quotidiane e lavorative (Chen L1, Aug 2017).

Oggi si inizia anche a sentir parlare più frequentemente di laser agopuntura, che sta prendendo sempre più piede negli ambulatori di Medicina Cinese. Uno studio pubblicato quest’anno su PubMed riconosce che l’agopuntura laser associata alla coppettazione su Weizhong (BL40) e sui punti Ashi è efficace nel ridurre il dolore e l’infiammazione nel dolore lombare cronico, candidandosi come un’opzione adeguata per il trattamento di questa patologia in ambito clinico (Lin ML1, 2017).

 

Materiali e metodi

I pazienti sono stati trattati con un Laser ad alta potenza, diodico, superpulsato, con una potenza di 1000 Watt. In prima seduta è stato effettuato un trattamento antalgico, con una frequenza di 4 – 80.000 Hz sui punti dolenti. Dalla seconda seduta il laser è stato impostato sui seguenti parametri: frequenza 22.000 Hz, 90-100% di duty cycle, 10 – 12 minuti per punto, per un totale di 4 – 8 sedute. Per il trattamento antalgico il puntale è stato posto a contatto con la cute, per il trattamento antinfiammatorio è stato usato un distanziale da 50mm.

Una parte dei pazienti è stata trattata simultaneamente con agopuntura, usando i punti Huatojaji locali e con alcuni punti a distanza nei pazienti con lombosciatalgia e cervicobrachialgia, con la simultanea applicazione del laser in corrispondenza dei dischi intervertebrali interessati, con emissione della luce pulsata in mezzo agli Huatojaji. Il tunnel carpale è stato trattato pungendo i punti NEIGUAN e WEIGUAN, lasciando infisso l’ago per 10 minuti puntandoci sopra il Laser per tutta la durata del trattamento.

In particolare sono stati usati i seguenti punti:

Cervicobrachialgia: punti Ashi sui muscoli trapezi, punti locali paravertebrali, Zhigou.

Tunnel Carpale: PC6 Neiguan, TE5 Weiguan.

Lombosciatlagia: Huatojaji lombosacrali, Huantial GB30, Yinmen BL37, Weizhong BL40, ChengJin BL56, Kunlun BL60.

A tutti i pazienti con neuropatia è stata consigliata l’assunzione di un neurotrofico durante il trattamento.

Lo studio è stato condotto su un campione di convenienza di 85 pazienti, i quali sono stati arruolati casualmente, in quanto si sono rivolti spontaneamente alle nostre cure. La diagnosi è stata basata sull’esame obiettivo e sulla visione di referti di RM ed elettromiografie. I miglioramenti clinici sono stati valutati utilizzando la scala VAS.

Il Database è stato creato considerando, età, sesso, diagnosi, sintomo ed esito. I pazienti sono stati suddivisi in due gruppi in base al tipo di trattamento a cui sono stati sottoposti: “solo Laser” e “Agopuntura + Laser”; e in due sottogruppi in base all’esito della terapia: negativo, positivo. Nel sottogruppo positivo sono stati inclusi i casi di miglioramento e quelli di guarigione clinica.

Sono state realizzate delle tavole di contingenza con relativo test del chi quadrato (Quando le assunzioni del chi quadrato erano violate, è stato effettuato, dove possibile, il test esatto di Fisher) in base all’esito e sull’eventuale relazione tra quest’ultimo e sesso, sintomo e diagnosi.

Sono stati ritenuti significativi solo i risultati con p-value inferiore al 10%.

Risultati

Sia il trattamento con Laser che quello associato con l’agopuntura hanno dato ottimi risultati, ma il secondo approccio ha permesso di raggiungere in tempi brevi una percentuale di successo molto più alta.

Il gruppo con esito positivo è costituito da due sottogruppi, “guarigione” e “miglioramento”; il primo fa riferimento alla guarigione clinica del paziente, mentre nel secondo i pazienti sono migliorati al punto da riprendere le loro attività quotidiane ma sono giunti a guarigione completa solo dopo un ciclo di fisioterapia o recupero funzionale, poiché residuava una componente funzionale o meccanica del dolore.

 

Nel gruppo trattato con il solo Laser è risultato che nell’81,8% dei pazienti vi è stato un significativo miglioramento clinico; tra questi il 63,6% era completamente guarito, il 18,2% era migliorato ed è stato sottoposto ad un ciclo di fisioterapia che ha portato alla guarigione completa. Il restante 18,2% non ha avuto alcun beneficio dal trattamento.

Nel gruppo trattato in associazione con l’Agopuntura la percentuale di successo è salita al 96,7%, riducendo al 3,3% i pazienti che non hanno tratto beneficio della terapia. Questi ultimi sono stati inviati a visita specialistica da un neurochirurgo e quasi tutti sono stati sottoposti ad intervento chirurgico.

Tavole di contingenza Terapia * Esito

Sia il Test del Chi Quadrato che il Test esatto di Fisher rilevano un’associazione statisticamente significativa tra l’Esito e la Terapia (p-value < .10). Il Test esatto di Fisher è stato condotto in via cautelativa poiché una cella presentava conteggio atteso inferiore a 5 e le assunzioni del Test del Chi Quadrato risultavano violate.

In particolare, l’esito è positivo nel 96,7% dei casi di terapia Laser + Ago rispetto all’81,8% per la terapia con solo Laser.

Non è stata rilevata, invece, nessuna differenza significativa nell’esito in funzione delle altre variabili misurate (Sintomo, Diagnosi, Sesso, Età).

L’analisi statistica non ha evidenziato nessuna correlazione significativa tra sintomi, diagnosi, sesso ed esito della terapia. Quindi il trattamento ha lo stesso effetto sulle diverse tipologie di radicolopatia, indipendentemente dalla sede, dal sesso e dall’eziologia.

L’analisi statistica è stata condotta con SPSS versione 17 ed è stata adottata una soglia di significatività del 10%.

 

Conclusione

Benché vi siano molte alternative terapeutiche per il trattamento delle radicolopatie, l’associazione dell’agopuntura ad un Laser di potenza, con il supporto di un neurotrofico e all’occorrenza di qualche seduta di fisioterapia, permette di raggiungere la guarigione clinica in tempi più brevi e con una percentuale di successo molto più alta rispetto alla terapia con il solo laser di potenza.

Questo studio è ancora in corso e sarà completato rafforzando la significatività statistica delle conclusioni con un campione più grande. Il proposito è quello di aggiungere al confronto anche un campione sufficientemente rappresentativo dei casi trattati con la sola agopuntura, al fine di proporre un nuovo protocollo di trattamento per le radicolopatie.

Riferimenti

(s.d.). Tratto da My-personaltrainer.it: http://www.my-personaltrainer.it/benessere/radicolopatia.html

Chen L1, L. D. (Aug 2017). Efficacy of high intensity laser therapy in treatment of patients with lumbar disc protrusion: A randomized controlled trial. PubMed, 10.3233/MBR-170793.

Eubanks. (2012, Dicembre 2). Tratto da Progetto Asco: https://www.progettoasco.it/numero-60-articolo-2-dic-2011-gen-2012-radicolopatia-cervicale-trattamento-conservativo-della-cervicalgia-e-della-sintomatologia-radicolare-3/

Gong XL, X. Y. (2014). Clinical Observation of Xiaoxingnao acupuncture Combined with Electroacupuncture at Cervical Jiaji Points in Treatment of Vertebral Artery Type of Cervical Spondylosis. Journal of Hubei University of Chinese Medicine.

HEaltCMi. (2016, Agosto). Acupuncture Continuing Education. Tratto da HealthCMi: http://www.healthcmi.com/Acupuncture-Continuing-Education-News/1673-acupuncture-found-effective-for-cervical-spondylosis

Lin ML1, 2. W. (2017). Clinical Effects of Laser Acupuncture plus Chinese Cupping on the Pain and Plasma Cortisol Levels in Patients with Chronic Nonspecific Lower Back Pain: A Randomized Controlled Trial. PubMed, 2017:3140403.

Nakajima M1, I. M. (2013). Clinical effect of acupuncture on cervical spondylotic radiculopathy: results of a case series. Acupunct Med, 31 (4):364-7. Tratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23965301

Sung-Ha Kim, 1. M.-Y.-M.-H.-K.-D.-W.-R.-Y.-J.-W.-C. (2012 Jun). Acupuncture and Spontaneous Regression of a Radiculopathic Cervical Herniated Disc. Journal of pharmacopuncture, 15(2): 36-39.

Xie XY, Q. S. (2013). Clinical Efficacy of Long Needle Penetration Acupuncture on Cervical Spondylotic Radiculopathy: A Clinical Observation of 64 Cases. . Guiding Journal of Traditional Chinese Medicine and Pharmacology.

 

UN APPROCCIO INTEGRATO NEL TRATTAMENTO DELLE RADICOLOPATIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *